Erbario della Salute - Curati con la Natura

Home » antibacterial

Angelica officinalis L. – Parte utilizzata: si utilizzano i frutti e le radici, raccolti quando la pianta ha 2 anni. Descrizione: L’Angelica appartiene alla famiglia delle Apiaceae (o Umbelliferae) ed è originaria dell’Europa settentrionale. E’ una pianta erbacea perenne o biennali che può raggiungere anche i due metri di altezza. con portamento eretto, fusto robusto, in genere rossastro, percorso da …

Read more

È UN VERO CARBURANTE PER IL CERVELLO! TIENILA A PORTATA DI MANO DURANTE LE GIORNATE AUTUNNALI: COSÌ POTRAI MIGLIORARE IL RENDIMENTO PSICOFISICO Se in questa stagione senti arrancare il sistema immunitario, affidati alla Moringa, una straordinaria pianta indiana, che ti rimette in pista ed è un’utile cura ricostituente in vista della stagione fredda. Le popolazioni …

Read more

Non importa l’età, ma probabilmente negli anni avrete accumulato varie cicatrici, come quelle da acne, o tagli e bruciature, incisioni di gravidanza o di chirurgia, e anche se non vi è alcuna cura magica, per farle andar via completamente, alcuni oli essenziali sono abbastanza efficaci per attenuare e ridurre le cicatrici naturalmente. Prima di svuotare …

Read more

Punica granatum, L.– Parte utilizzata: frutto Descrizione. Il Melograno appartiene alla Famiglia delle Punicaceae, è una specie originaria dell’Asia’Occidentale. La pianta del melograno si presenta come un arbusto cespuglioso, vigoroso, a tronco stretto con ramificazioni contorte che con il passare degli anni tendono a diventare nodose, rami spesso spinescenti, corteccia grigio-rossastra e una chioma tondeggiante. Raggiunge …

Read more

Lavandula L. – Parte utilizzata : Fiori o sommità fiorite Descrizione. La Lavanda è un genere di piante spermatofite dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Labiate, è un piccolo arbusto sempreverde, dall’aspetto di piccole erbacee annuali o perenni dalla tipica infiorescenza a spiga e portamento cespuglioso. Può avere un’altezza variabile dai 50 cm fino al 1.20 m. Queste piante sono fortemente aromatiche. I rami sono dritti, le …

Read more

L’iperidrosi, ovvero l’eccessiva sudorazione, è un disturbo che provoca un’eccessiva sudorazione che può interessare tutto il corpo, ma spesso è limitato alle regioni palmari e plantari, alle ascelle ed alla zona genitale. Il disturbo può essere causato da iperattività delle ghiandole sudoripare o anche da patologie. Di solito, produciamo sudore durante un allenamento o in …

Read more

Thymus vulgaris L. Parte utilizzata: sommità fiorite e le foglie, da cui si estrae l’olio essenziale di timo. Descrizione. Il Timo è una piccola pianta perenne sempreverde, appartenente alla famiglia delle Lamiaceae, molte volte ha forma semi arbustiva, in genere è di dimensioni contenute, soprattutto in altezza, e non supera i 25-35 cm, ma forma ampie …

Read more

Matricaria Recutita L. – Parte utilizzata: capolini essiccati Descrizione: La CAMOMILLA è una pianta annuale, erbacea e dal gradevole profumo, appartenente alla famiglia delle Asteraceae (Compositae). Originaria dell’Asia e dell’Europa Meridionale ed Orientale, cresce spontanea in terreni incolti e negli orti. Possiede una radice affusolata che sostiene un fusto eretto, sottile, non peloso, di altezza circa 10÷50 cm, e molto ramificato nella …

Read more

Zingiber officinale Roscoe – Parte utilizzata: rizoma Descrizione. Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è una pianta erbacea delle Zingiberaceae originaria dell’Estremo Oriente, dove è molto diffusa e viene chiamata Ginger. La pianta di Zenzero si sviluppa per un’altezza di circa 1,5 metri e adotta un portamento generalmente eretto. Possiede fusti non ramificati e di consistenza tuberosa. Lo Zenzero possiede una sola radice …

Read more

TRATTAMENTO E PREVENZIONE DELLE AFFEZIONI RESPIRATORIE, IMMUNOSTIMOLANTE  Descrizione. La Propoli è una sostanza resinosa che le api raccolgono dalle gemme e dalla corteccia di alcune piante come pioppi, betulle, pini, abeti, ippocastani, salici, querce ed olmi. Si tratta quindi di una sostanza di origine prettamente vegetale anche se le api, dopo il raccolto, la elaborano con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi prodotti dal loro stesso organismo. All’interno dell’alveare la …

Read more
Page 1 of 2 12