Sia per chi ha appena finito le vacanze, sia per chi è in partenza, presentiamo un programma rivitalizzante. Questo è utile a tutti, ma soprattutto a chi soffre della cosiddetta “sindrome da rientro”, e in particolare di mal di testa (cefalea) e mancanza di energia, i suoi sintomi più comuni. Anche se questi disturbi hanno una forte componente psicologica, alla loro base ci sono cause fisiologiche. Durante le vacanze, infatti, i nuovi ritmi meno stressanti richiedono alle ghiandole surrenali (delegate alla produzione degli ormoni adrenalina e cortisolo, per l’appunto noti come “ormoni dello stress”) di adattarsi alle nuove esigenze, mettendosi a riposo. Quando le vacanze finiscono, esse ricevono l’ordine di riattivarsi ed è normale sviluppare qualche sintomo come cefalea, affaticamento e malumore. Con la dieta giusta e i rimedi adatti i sintomi scompariranno rapidamente o nemmeno si presenteranno.  

ECCO I SEGNI A CUI FARE ATTENZIONE

Mal di testa, stanchezza, sensazione di confusione e difficoltà di concentrazione, irritabilità, ma anche dolori articolari e muscolari, eccesso di sudorazione e tachicardia sono i più comuni sintomi dello stress da rientro. Tutti traggono beneficio dalle stesse strategie, come lasciare uno o due giorni tra il rientro dal luogo di villeggiatura e il ritorno in ufficio, non farsi subito sopraffare dagli impegni, adottare una dieta ricca di frutta e verdura, povera di grassi saturi (di origine animale, ma anche olio di palma e palmisti) e portare con sé anche al lavoro alcuni rimedi naturali di facile impiego.

I CONSIGLI PIÙ EFFICACI PER ELIMINARE LO STRESS

Loading...

Spesso le vacanze modificano le nostre abitudini alimentari, soprattutto per quanto riguarda gli orari dei pasti. È quindi importante riequilibrare l’organismo con i soliti cinque pasti al giorno, ricordando che per gli spuntini, va privilegiato l’uso di frutta e di verdura a cui abbinare qualche frutto oleoso a guscio, in modo da arrivare meno affamati a pranzo e cena ed evitare pasti abbondanti che scatenerebbero poi mal di testa.

Privilegia questi alimenti:

  • Cereali integrali e legumi: importanti fonti di fibre, vitamine del gruppo B e sali minerali (ferro, potassio, fosforo e magnesio), riequilibrano i neurotrasmettitori, che presiedono alla salute del nostro sistema nervoso e prevengono mal di testa e mancanza di energia.
  • Pesce azzurro fresco, al vapore, in padella o in forno: apporta acidi grassi essenziali utili per il buon funzionamento di cuore, muscoli e cervello e preventivi di stress, affaticamento e cefalee.
  • Frutta e verdura di stagione: l’alto contenuto di fibre facilita la regolarità intestinale (anche la stipsi porta a mal di testa e mancanza di energia) e favorisce il senso di sazietà (aiutandoci a mangiare meno e meglio).

QUINOA ROSSA: Senza glutine e ben digeribile. È uno pseudo-cereale, in quanto non appartiene alla famiglia delle graminacee ma alle chenopodiacee, la stessa degli spinaci. È ricca di proteine vegetali e antiossidanti; apporta vitamine B e sali minerali antistress. Come utilizzarla: 60g a porzione, da lavare bene sotto acqua corrente (mettila in un colino a trama fitta) e lessare in acqua leggermente salata. Ottima in insalata o saltata in padella. Fai appassire 1 cipollina tritata in 2 cucchiaini di olio, unisci 60g (peso a crudo) di quinoa lessata e 1 cucchiaino di curry; lasciala rosolare per 3 minuti. Servila calda in tavola.

PESCA TABACCHIERA: È utile contro il mal di testa. Tenera e dolcissima, questa varietà di pesca è ricca di antiossidanti e di sostanze antistress. È depurativa e usata in medicina cinese anche contro il mal di testa. Come utilizzarla: lava bene 1 pesca tabacchiera, tagliala a tocchetti e immergila in un infuso di lavanda. Dopo 5 minuti, bevi e mangia i tocchetti del frutto usati per l’infusione. Puoi anche adoperarla in macedonie e insalate agro-dolci. Se usi la pesca con la sua buccia (la parte più ricca di principi attivi) acquistala bio.

MENTA PIPERITA: Rinfrescante e rilassante. Quest’erba aromatica è nota per le sue proprietà digestive e anticefalea. Svolge anche un’azione rivitalizzante e rinfrescante. Come utilizzarla: aggiungine 2-3 foglioline spezzettate al risotto, oppure all’insalata o alla macedonia di frutta. Ottima anche per farce di torte salate e verdure ripiene. Come rimedio d’emergenza masticane 1-2 foglioline. Puoi far crescere la pianta in un vasetto sul davanzale per averne sempre a disposizione.

MELA: Il decotto che stimola l’energia. La ricchezza in fibre, vitamine, antiossidanti e le proprietà benefiche come quella antinfiammatoria, rendono la mela l’alleato perfetto contro la sindrome da rientro. È inoltre un buon rimedio antiritenzione e antisovrappeso. Come utilizzarla: 1 mela a tocchetti nell’insalata, oppure come spuntino o a colazione accompagnata con qualche mandorla. Ottimo anche il decotto: metti a bollire 100g di tocchetti di mele in 200ml di acqua; dopo 5 minuti togli dal fuoco e lascia raffreddare. Filtra e bevi. Usa mele biologiche senza eliminarne la buccia, ricca di principi attivi antistress.

SALE ROSA: Ideale per chi soffre di cefalea. L’impiego di troppo sale facilita l’arrivo del mal di testa, favorisce l’ipertensione e contribuisce alla comparsa della cellulite. Tuttavia un uso moderato di sale povero di sodio, come quello rosa, può addirittura contrastare il problema. Come utilizzarlo: la mattina a digiuno, bevi un bicchiere di acqua a temperatura ambiente o tiepida a cui avrai aggiunto un pizzico di sale rosa macinato (puoi metterlo nel macinapepe per ottenere una polvere in grado di sciogliersi più velocemente nell’acqua). Puoi utilizzarlo anche in cucina, al posto del sale comune. Usane sempre in quantità moderate, perché contiene comunque sodio.

MENU-TIPO PER I 3 GIORNI DELLA DIETA ANTI MAL DI TESTA DA RIENTRO:

  • Colazione: Infuso di lavanda, 1 fetta di crumble di mele; 1 frutto fresco; 4 mandorle; 1 yogurt naturale (o un’alternativa di soia);
  • Spuntini: 100g di pesca tabacchiera e 3 noci a metà mattina; 1 yogurt naturale con 2 cucchiaini di semi di lino a merenda;
  • Pranzo: Mix di quinoa in insalata; 150g di ceci lessati (puoi unirli all’insalata di quinoa) da condire con 2 cucchiaini di olio, peperoncino e timo;
  • Cena: Pesce spada alla menta: 200g di fagiolini lessati conditi con un filo d’olio, 2-3 gallette di quinoa.

 

RICETTE:

CRUMBLE DI MELE

Quantità: 4 persone; Difficoltà: facile; Tempo di preparazione: 20 minuti; Tempo di cottura: circa 1 ora; Per celiaci: no; Calorie: 195 a porzione.

Ingredienti: Per la base: 4 cucchiai di farina; 1 cucchiaio di burro bio; 1 cucchiaio di stevia; 1 pizzico di sale. Per il ripieno: 3 mele; 1 cucchiaio di burro bio; 1 stecca di vaniglia; 1 cucchiaino di cannella in polvere; 1 cucchiaino di stevia.

Preparazione:Pela e taglia le mele a fettine. Fai sciogliere il burro in un tegame, poi aggiungi le mele e poca acqua, mescolando bene. Unisci anche la cannella, la stevia e i semi contenuti all’interno del baccello di vaniglia (puoi raschiarli con la punta di un coltellino affilato). Lascia cuocere a fuoco medio fino a che le mele saranno morbide ma non troppo, mescolando continuamente per evitare che si attacchino al fondo del recipiente. Nel frattempo, in una terrina amalgama gli ingredienti per la base, lavorando con le dita fino a ottenere un impasto friabile. Quando le mele sono pronte, versale in una teglia coi bordi alti unta con poco burro e livella la superficie. Sbriciola l’impasto sulle mele e inforna a 180 °C per mezz’ora o fino a doratura.

 

MIX DI QUINOA IN INSALATA

Quantità:2 persone; Difficoltà: facile; Tempo di preparazione: 15 minuti; Tempo di cottura: 20-25 minuti; Per celiaci: sì; Calorie: 316 a porzione.

Ingredienti: 120g di quinoa rossa e bianca; 100g di broccoli piccoli (le cimette; le trovi surgelate); 8 pomodorini; 1 peperone giallo; 30g di rucola; 2 carote piuttosto piccole; 8 funghetti champignon piccoli; 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva; sale marino integrale e pepe q.b.

Preparazione: Metti la quinoa in un colino e lavala sotto acqua corrente. Nel frattempo, lessa i broccoli, taglia a julienne le carote, a metà i pomodorini, a tocchetti il peperone e raccoglili tutti in una terrina. Unisci anche i broccoli (quando saranno cotti), la rucola e gli champignon lasciandoli interi. Quando la quinoa è lessata, lasciala raffreddare e uniscila alle verdure. Condisci con l’olio, poco sale, una presa di pepe e servi in tavola.

PESCE SPADA ALLA MENTA

Quantità: 2 persone; Difficoltà: facile; Tempo di preparazione:10 minuti; Tempo di cottura: 8 minuti; Per celiaci: sì; Calorie: 272 a porzione.

Ingredienti: 2 tranci di pesce spada; 1 ciuffo di menta; 1 spicchio d’aglio; 1 cucchiaino di peperoncino; 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva; amido di mais q.b.

Preparazione: Passa le fette di pesce spada nell’amido di mais e mettile in un tegame antiaderente con l’olio caldo e lo spicchio d’aglio sbucciato e affettato. Fai cuocere il pesce per pochi minuti per lato, quindi mettilo nei piatti di servizio e condisci con la menta tritata e il peperoncino in polvere. Servi quindi in tavola.

loading...
Loading...

Written by Paola Olivieri