Betula spp.

DIURETICA, DEPURATIVA

Parte utilizzata: foglia, gemme e corteccia

Descrizione. La BETULLA è un albero alto 15-25 metri. La caratteristica del suo tronco è la scorza bianca che si stacca in grandi lamine papiracee. E’ originaria dell’Asia settentrionale e centrale. E’ comune nell’Europa settentrionale (Svezia e Norvegia) e centrale.

Loading...

Storia. Anticamente veniva utilizzato il catrame di betulla, questo, spalmato sulla cute, agiva contro eczemi, reumatismi, psoriasi, gotta e parassitosi della cute, tra cui anche la scabbia. Un tempo si usava la linfa chiara o l’acqua che si otteneva forando il tronco; questa linfa, bevuta a lungo, elimina i calcoli della vescica e dai reni.
Un altro uso molto diffuso era quello di utilizzare la betulla per sfruttarne le proprietà diuretiche.

La pianta che drena. L’attività drenante della Betulla è dovuta alla presenza di flavonoidi e saponine attivatrici delle pompe cellulari che trasportano gli ioni sodio e potassio: questo meccanismo favorisce l’eliminazione del sodio intracellulare e dell’acqua. Gli estratti di Betulla possono essere usati in caso di sindrome premestruale, prevenzione dei calcoli renali, ipertensione arteriosa, ascite, vertigini, ma anche edemi degli arti inferiori da insufficienza venosa e cellulite.

Impiego. Si consiglia di assumere 2-3 g di droga vegetale (foglie essiccate) più volte al giorno, o la quantità relativa dei vari tipi di preparati; per esempio, se si utilizza la tintura (1:10), la dose generalmente raccomandata è di circa 2 ml tre volte al giorno; invece se si dovesse impiegare il succo fresco, normalmente si suggerisce una dose di 15 ml tre volte al giorno.

Avvertenze. L’assunzione di composti a base di betulla è controindicata in caso di allergia ai salicilati (come ad esempio l’Aspirina ), o se si soffre di insufficienza cardiaca, e renale ed ipersensibilità accertata verso uno o più componenti.

ASSOCIAZIONI

PROSTATITI

Radice di Ortica

Semi di Zucca

URETRITI

Uva Ursina

AZIONE DEPURATIVA

Tarassaco

loading...
Loading...

Written by Paola Olivieri