BASILICO

Ocimum basilicum L.

DIGESTIONE, BELLEZZA DELLA PELLE E DEI CAPELLI, DOLORI ARTICOLARI

Parte utilizzata: foglie e parti aeree raccolte da primavera a fine estate

Loading...

Descrizione: Il Basilico, nome scientifico Ocimum basilicum, è una pianta erbacea annuale, appartiene alla famiglia delle Lamiaceae. Presenta foglie verdi e fiori bianchi, ma la sua caratteristica principale è l’aroma che sprigiona. La pianta, per crescere, predilige il clima mediterraneo, con temperature che oscillano dai 21° ai 26° e non sopporta temperature inferiori ai 10°. Fiorisce nel periodo estivo. Ha proprietà aromatiche, e per questo viene molto utilizzato in cucina, soprattutto in Italia.

Storia. Originario dell’Asia, si è poi esteso in Europa fino a diventare un ingrediente primario della cucina. Il nome latino Basilikon significa “erba regale proprio a indicare il grande valore che questa pianta aromatica ricopriva già nell’antichità. Plinio il vecchio ne riportava l’efficacia contro le crisi epilettiche, San Bernardo lo valutava come un ottimo mezzo per allontanare le ossessioni e le idee fisse.

Proprietà. Ogni 100 grammi di foglie di Basilico si ha una resa calorica pari a 23 calorie, per questo è considerato un ottimo alleato per restare in forma in quanto, come tutte le spezie, consente di insaporire i cibi evitando sale e condimenti.

Contiene sostanze benefiche e utili per il nostro organismo: è ricco di potassio che regola l’equilibrio idrico nel corpo, contiene calcio, utile per il benessere delle ossa, ferro, necessario al sangue per permettere il trasporto e il ricambio di ossigeno, fosforo, importante per la costituzione delle ossa, e infine magnesio e vitamina A, che aiutano il sistema immunitario.

Secondo uno studio condotto in India, il Basilico si è rivelato un’arma efficiente nell’attenuare i dolori alle articolazioni o derivanti dall’artrite. Agisce grazie alle sue proprietà antinfiammatorie: le foglie siano ricche di una eugenolo, che non solo conferisce il tipico profumo, ma aiuta a lenire i dolori, diminuendoli o perfino eliminandoli.

Inoltre l’eugenolo, previene raffreddori e malattie della pelle, viene adoperato come stimolante dell’apparato intestinale, in quanto, le sue proprietà facilitano la digestione e stimolano l’appetito, attenua gli stati d’ansia e stress che vengono somatizzati in disturbi intestinali. Ha proprietà rilassanti sul sistema nervoso e può essere adatto a chi soffre di insonnia o di emicranie, utilizzabile anche in caso di asma, bronchiti e tosse.

Ha proprietà galattogene: molto utile per le donne in fase di allattamento, perché stimola la produzione di latte materno, grazie alla presenza nelle foglie di flavonoidi; mentre in caso di nausea un buon rimedio è preparare un tè con foglie secche di Basilico.

Il Basilico è anche una buona fonte di magnesio, minerale che aiuta a rilassare la muscolatura ed i vasi sanguigni  migliora il flusso sanguigno, diminuendo il rischio di irregolarità del battito cardiaco.

Inoltre è un ottimo antiossidante, dato che le sue foglie contengono vitamine A, C ed E, zeaxantina, luteina e beta-carotene, fitonutrienti ed antiossidanti adatti per contrastare i radicali liberi.

Impiego. Il Basilico può essere adoperato sia come olio essenziale, oppure possono esserne sfruttate le foglie, sia fresche che essiccate per farne decotti o infusi e può avere uso interno o uso esterno. L’olio essenziale può essere impiegato esternamente per le infezioni bronchiali e in genere alle vie respiratorie, in quanto ha potere espettorante. Si può impiegare per fare suffumigi versando non più di 10 gocce e aspettare il tempo necessario fin quando non faccia effetto; oppure per disturbi intestinali, si può versare qualche goccia su un fazzoletto e inalare, o massaggiare direttamente la parte dolorante, ripetendo il movimento più volte al giorno; solitamente basta anche una sola applicazione per far svanire il dolore, e si può ripetere in caso si rimanifesti.

Come infuso si utilizzano le foglie secche, che hanno proprietà digestive e rilassanti su tutto l’organismo, va preso una volta al giorno, preferibilmente la sera, per otto giorni; si prepara mescolando 3 cucchiai di foglie in 300 ml di acqua bollente, lasciare in infusione per circa mezz’ora., e infine filtrare e bere tiepido.

Il decotto invece si ottiene o disponendo i semi a macerare in acqua per una notte, oppure con le foglie fresche lasciate in acqua bollente per venti minuti e poi filtrare; può essere usato per fare gargarismi contro il mal di gola ed infezioni del cavo orale, o può essere bevuto anche più di una volta al giorno, finché il disturbo sparisca.

Il Basilico è impiegato anche in campo cosmetico, dona un effetto anti-age alla pelle grazie alle sue proprietà antiossidanti, perché proteggono la cute dai radicali liberi e prevengono l’invecchiamento cellulare. Inoltre massaggiare l’olio essenziale sui capelli dona loro bellezza, lucentezza e splendore, essendo ricco di vitamine che rafforzano lo strato cheratinoso della corteccia restituendogli energia. Importante oltre a ciò ricordare che, sfregare una foglia di basilico su una puntura di zanzara o d’insetto attenua subito il prurito, grazie alle sua proprietà anti infiammatoria.

In ambito culinario è doveroso ricordare che il Basilico può essere conservato essiccato, anche se in questo modo si rischia di perdere gran parte delle sue proprietà aromatiche, oppure conservato surgelato per mantenere al meglio il suo caratteristico aroma.

Avvertenze. Alcuni studi riportano che è sempre bene usufruire delle piante grandi di Basilico, dato che, quelle giovani, pare contengano una sostanza cancerogena. Tale teoria, al momento, non offre alcun supporto scientifico.

Inoltre il Basilico può avere effetti nocivi su coloro che soffrono di allergia alle parietarie.

Nell’olio essenziale di Basilico è presente l’estragolo, per questo motivo si deve procedere con particolare cautela in caso di gravidanza e allattamento, nei lattanti e nei bambini piccoli.Va comunque evitato in gravidanza, come tutte le altre verdure crude, perché potrebbe causare la toxoplasmosi, una malattia infettiva molto dannosa per il feto.

loading...
Loading...

Written by Paola Olivieri